Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Quanto costa un impianto fotovoltaico da 4 kW con accumulo?

Quanto costa un impianto fotovoltaico da 4 kW con accumulo? Scopri quando l'accumulo è utile, necessario e indispensabile. Leggi come cambieranno le cose con il Superbonus del 110%.
impianto fotovoltaico da 4 kW con accumulo

Quanto costa un impianto fotovoltaico da 4 kW con accumulo?

Quanto costa un impianto fotovoltaico da 4 kW con accumulo? Scopri quando l'accumulo è utile, necessario e indispensabile. Leggi come cambieranno le cose con il Superbonus del 110%.

Indice dei contenuti

Forse anche tu ti sarai chiesto: “Mi servirà l’accumulo fotovoltaico? Oppure sarà solo una spesa inutile e poco ammortizzabile?” Se ti sei posto questa domanda, vuol dire che sei a buon punto con il dimensionamento del tuo impianto fotovoltaico. Con tutta probabilità hai già ricevuto diversi preventivi per l’installazione di un impianto fotovoltaico e avendo deciso per il 4 kW ora stai valutando di associare un accumulo.

Spesso alla domanda: “con o senza accumulo?” la risposta di certe aziende si riassume con un semplice “senza”, forse per pregiudizio o come nella maggioranza dei casi, per evitare una serie di quesiti e interrogativi a cui pochi riuscirebbero a dare risposte esaustive. I luoghi comuni in materia di accumuli si sprecano su internet e purtroppo si fa presto a dipingere in modo negativo un prodotto quando non lo si conosce bene. Ma come dicevo, “le cattive volano” per cui vorrei farti conoscere anche l’altro lato della medaglia.

Vedremo in questo articolo, oltre al costo di un impianto fotovoltaico da 4 kW con accumulo, anche le principali condizioni in cui si configura o meno la “necessità” di dotare un impianto fotovoltaico di un  accumulo.

Quando il tuo impianto fotovoltaico da 4 kW dovrà necessariamente dotarsi di un accumulo?

Partiamo dal luogo in cui vivi. Ti trovi in una zona disabitata? forse in una casa in montagna o a diversi kilometri dal centro più vicino? Indubbiamente molti ti invidiano per questo! Ma a volte in queste condizioni si presentano problemi di alimentazione elettrica. La linea elettrica non arriva fino a casa tua e per allacciarti dovresti sborsare parecchi quattrini. Ecco perché diverse persone cercano soluzioni alternative. 

Finora qual è stata per molti la soluzione più semplice? Il mercato ha sempre proposto i generatori elettrici a gasolio. Questi generatori per tanto tempo hanno avuto il monopolio del mercato. Però, questa scelta, come puoi immaginare, non si sposa benissimo con il tuo stile di vita da amante della natura. Purtroppo il gasolio inquina tanto e deturpa il paesaggio attorno a te. E gli aspetti negativi non si fermano qui. È rumoroso e ogni anno ti fa spendere tanti soldini che dovrebbero restare nelle tue tasche. Allora cosa potresti fare per risolvere questo problema?

Un impianto fotovoltaico dotato di accumulo ad isola è la soluzione ideale per coloro che hanno la necessità di usufruire della corrente elettrica senza essere allacciati alla rete. Forse il generatore lo dovrai usare ogni tanto, quando l’energia solare non sarà sufficiente a soddisfare il tuo fabbisogno energetico. Ma se ci vivi tutto l’anno,  l’impianto lo ammortizzerai in pochissimo tempo e i vantaggi che ne potrai avere saranno indescrivibili. Quali sono invece le situazioni in cui l’accumulo potrebbe essere molto utile ma non indispensabile?

impianto fotovoltaico 4 kW con accumulo

In quali situazioni il sistema di accumulo potrebbe rivelarsi ‘utile’ ma non indispensabile?

A questo punto, piuttosto che parlare di luogo in cui vivi, dobbiamo concentrarci sulle tue abitudini di vita. Tu e la tua famiglia vivete la casa durante il giorno? Forse lavorate a casa e utilizzate la corrente elettrica della rete spalmando i consumi in modo equilibrato durante tutta la giornata. Oppure lavorate fuori casa tutto il giorno e quando rientrate la sera, avete bisogno di fare la lavatrice, accendere il forno, accendere la climatizzazione, la lavastoviglie e cosi via? Queste differenze nello stile di vita faranno da ago della bilancia nel decidere se dotarsi di un accumulo o meno.

Immagina di avere un impianto fotovoltaico da 4 kW che produce in media 13 kWh al giorno. Se tu e la tua famiglia lavorate in casa o siete in pensione, probabilmente userete durante la giornata un elettrodomestico per volta. Quindi, dopo aver terminato con la lavatrice, accenderai la lavastoviglie e quando avrà finito la lavastoviglie accenderai i fornelli a induzione per preparare da mangiare. In questo caso sarà indispensabile un accumulo?

Potrebbe essere molto utile ma non indispensabile. Se ti organizzerai per consumare durante il giorno la maggior parte della corrente elettrica prodotta dal tuo impianto fotovoltaico da 4 kW,  probabilmente di sera, quando il sole sarà tramontato e il tuo impianto avrà cessato di produrre, non avrai più bisogno di grandi quantità di energia elettrica. Forse hai riscaldato bene la casa durante il giorno e la sera puoi spegnere tutto o impostare gli elettrodomestici a regimi molto bassi di consumo. La corrente che consumerai di sera la dovrai prelevare dalla rete elettrica, ma grazie alla corrente elettrica che il tuo impianto fotovoltaico immetterà di giorno nella rete, i consumi serali si compenseranno con la cessione di corrente diurna. E se tu e la tua famiglia rientrate a casa la sera?

Quando il sistema di accumulo potrebbe rivelarsi ‘necessario’ ma non indispensabile?

Adesso, immagiamo a differenza della famiglia precedente, che lavorate fuori casa tutto il giorno e quando rientrate dovete, gioco forza, accendere gli elettrodomestici principali. In questo caso si rivelerà necessario associare al tuo impianto fotovoltaico da 4 kW l’accumulo? Necessario si, indispensabile no! Sarai comunque collegato alla rete elettrica e la sera se ti occorrerà la corrente elettrica la potrai prelevare alle tariffe concordate con il tuo gestore. Però stai sfruttando al massimo le potenzialità del tuo impianto fotovoltaico da 4 kW senza l’accumulo? Decisamente no!

La corrente che produce il tuo impianto di giorno, se non la utilizzi istantaneamente, verrà immessa automaticamente nella rete elettrica. Questa corrente ti verrà acquistata ad un certo prezzo, che di solito oscilla tra gli 8 e i 14 centesimi a kWh immesso. Ipotizziamo che la cifra di acquisto sia una media di 11 centesimi. Se il tuo impianto produce 13 kWh giornalieri, il ricavo mensile derivante dalla cessione di corrente elettrica alla rete sarà di circa 43 euro.

Viceversa, quando sei tu ad acquistare la corrente elettrica dalla rete, il prezzo di acquisto è solitamente più alto di 11 centesimi a kWh prelevato, in quanto devi sommare a questa cifra le quote fisse e tasse varie. Ti accorgerai che il prezzo di acquisto può arrivare anche a 25 centesimi a kWh. Stando cosi le cose, ne vale la pena avere un impianto fotovoltaico ultra efficiente che immette nella rete 13 kWh giornaliere e prelevare la sera dalla rete elettrica 13 kWh acquistandole a 25 centesimi/kWh? Come vedi, i conti non sono dalla tua parte.

Quindi, dotare un impianto fotovoltaico da 4 kW di accumulo probabilmente non sarà indispensabile ma sicuramente necessario, se vorrai dare un senso logico all’installazione dell’impianto fotovoltaico.

Quanto costa un impianto fotovoltaico da 4 kW con accumulo?

Come indicato nell’articolo “Quanto costa un impianto fotovoltaico da 4 kW” i prezzi chiavi in mano per un impianto senza accumulo oscillano da circa 6.000 euro a  13.000 euro iva inclusa. Tutto dipende da cosa stai cercando! Forse sei attratto dagli impianti super performanti ma potrai acquistare solo un impianto modesto?  Dovrai sederti e calcolare bene la spesa per soddisfare appieno le tue aspettative di investimento.

Il prezzo chiavi in mano di un impianto fotovoltaico da 4 kW con ipotetico accumulo da 5 kWh, oscilla da circa 10.000 euro a 23.000 euro. Anche in questo caso, ci sono diverse variabili che concorrono alla scelta di un accumulo piuttosto che un altro. Le garanzie dei costruttori cambiano, il numero di cicli di carica e scarica sono diversi da una batteria all’altra. Esistono numerose sottospecie di batterie agli ioni di litio che differiscono per capacità e forma.

Ecco perché l’accumulo non puoi sceglierlo semplicemente basandoti sul prezzo. È vero, non sempre al prezzo più basso corrisponde un prodotto più scadente. Per esempio, se compri un avocado al mercato rionale perché al supermercato sotto casa costa 1 euro in più al kg stai facendo un affare. Quello è pur sempre un avocado e se lo compri nel periodo giusto dell’anno, conserverà tutte le sue caratteristiche e proprietà, anche se l’hai acquistato a due soldi.

Ovviamente questo discorso non si può fare quando devi acquistare un prodotto che dovrà lavorare per molti anni, giorno dopo giorno. Un prodotto che dovrà darti garanzie di vita e di produzione deve necessariamente rispettare certi crismi che non ritroverai se ti concentri sulla spesa iniziale ma non soppesi l’investimento a lungo termine.  

L’ingresso del Superbonus 110% cambierà le nostre considerazioni sugli accumuli? Si!

Come il Superbonus del 110% darà una svolta all’installazione degli accumuli?

Il Superbonus al 110 per cento coinvolgerà oltre agli impianti fotovoltaici anche i sistemi di accumulo. In poche parole, a fronte del prezzo complessivo dell’intervento ti verrà applicata una detrazione fiscale al 110%. Ma ciò che più dovrebbe interessarti è la possibilità di ottenere il credito d’imposta con lo sconto in fattura. Tale credito potrai cederlo anche alle banche, permettendo anche alle piccole società installatrici di essere concorrenziali pur senza grandi liquidità iniziali.

Come è stato dichiarato anche nella conferenza stampa del Consiglio dei Ministri, si configura un “investimento” completamente gratuito per i proprietari di casa. Questa nuova opportunità appare decisamente più interessante rispetto al vecchio Conto Energia, dove ti veniva richiesto un esborso iniziale oneroso e solo successivamente il recupero degli incentivi.

Ti piacerebbe ricevere un preventivo gratuito e fatto su misura per te? Clicca sul pulsante sotto

Luca Biancu
Autore su Mister Kilowatt
Lavoro come tecnico elettricista da più di vent’anni, e la mia passione per gli impianti fotovoltaici mi spinge ad aiutare gli altri a conoscere questo splendido sistema.
Scopri di più su:
condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Articoli Correlati
fotovoltaico per l'energia solare
Logo Mister Kilowatt

Benvenuto

Scopri subito con Mister Kilowatt quanto costa e quanto puoi guadagnare grazie al solare fotovoltaico e ai sistemi di accumulo. Usa i nostri simulatori o richiedi un preventivo.

Simulatore Fotovoltaico

Scopri prezzi e vantaggi.

Simulatore Accumulo

Quanta capacità ti serve?

Richiedi Preventivo

Gratis e senza impegno

iscriviti alla nostra
newsletter

Tieniti aggiornato sugli sviluppi delle tecnologie rinnovabili. 

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.